Visita guidata alla mostra:

Armando Pizzinato. Nel segno dell'uomo

Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea "Armando Pizzinato"

Pordenone

Enzo di Martino e Casimiro di Crescenzo durante l'incontro “Pizzinato e il Fronte Nuovo della Arti (1946 - 49)” “Pizzinato e il Fronte Nuovo della Arti (1946 - 49)”

 

145 opere, alcune delle quali inedite o raramente esposte, che provengono da numerose collezioni private ed importanti musei tra cui il Museo del Novecento di Milano, Casa Cavazzini Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Udine, Ca’ Pesaro Galleria Internazionale d'Arte Moderna di Venezia e l’ASAC della Biennale di Venezia. Un’abbondanza di spettacolari opere suddivise in tre sezioni che formano il percorso della mostra, in cui si può seguire l’evoluzione della pittura di Pizzinato, dalle opere giovanili, all’insegna di una ricerca d’avanguardia, al momento della sua adesione al Realismo Italiano, alla produzione che fece seguito alla scomparsa della moglie, segnata dall’allontanamento dai canoni del Realismo verso un naturalismo lirico, la conquista di una libertà espressiva non più compressa e, infine, all’astrattismo geometrico.

 

Gli episodi raccontatici dal prof. Enzo di Martino, vecchio amico di Pizzinato e grande critico d’arte,  durante l’incontro intitolato “Pizzinato e il Fronte Nuovo della Arti (1946 - 49)” seguito alla visita guidata degli Amici della Cultura alla mostra, hanno completato il quadro della storia dell’artista sovrapponendo l’aspetto umano a quello artistico. 

Grande merito all’Amministrazione Comunale di Pordenone che ha voluto regalare al pubblico non solo pordenonese quest’ ampia retrospettiva valorizzando ulteriormente l’opera di uno dei più importanti artisti del nostro tempo.

 

Loredana Schembri