La nostra città è sempre “altra”, perché è in continuo divenire: cambiano gli abitanti e le componenti razziali, muta la f acies urbana, si trasformano le abitudini di vita portandosi dietro un differente modo di frequentare gli spazi pubblici e di concepire il rapporto fra centro e periferia.

 

La nostra città, al tempo stesso, non è mai “altra” da noi, anche quando vorremmo che lo fosse: perché – ci piaccia o no – ne facciamo parte e le sue dinamiche ci coinvolgono, pretendono da parte nostra un’espressione di responsabilità. L’estraneità alle sue problematiche è un lusso che non ci possiamo permettere.

 

A queste forme complementari di alterità hanno ispirato alcune loro opere gli artisti presenti in mostra.

All’interno di un luogo simbolico della città e della sua storia si confrontano così modi diversi di osservarla, di esaltarne la fisionomia, di rimeditarne visivamente il tessuto umano e culturale, di proiettarla in una dimensione ulteriore, fantastica, in cui essa – questa città in cui viviamo, o l’idea di città in senso lato – si fissa in immagine nel momento stesso in cui denuncia la propria irriducibilità allo sguardo individuale.

Ma proprio dalla coscienza sua complessità potrebbero già da oggi determinarsi i modi per risuscitare quel dialogo fra arte e città che nel nostro Paese è stato per secoli un meraviglioso, costitutivo dato di fatto.

 

Fulvio Dell’Agnese

 

Convento di San Francesco

Piazza della Motta

Pordenone

dal Martedì al Venerdì: 16.00-19.00

Sabato e Domenica: 10.30-12.30 e 16.00-19.00


contatto telefonico: 349 7908128

contatto e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

web: www.amicidellacultura.it